La verità nient’altro che la verità,
in tutte le lingue.

“traduzione giurata” o “traduzione legalizzata”?
Ecco la differenza

Cosa significa "traduzione giurata"

È una traduzione accompagnata da verbale di giuramento, o asseverazione, firmato in Tribunale oppure davanti a un Notaio.

L’asseverazione consiste nell’attestare ufficialmente di fronte a un Cancelliere del Tribunale o a un Notaio che il testo nella lingua di arrivo è la traduzione fedele del testo in lingua originale. È il processo con cui la traduzione acquista piena validità giuridica nel paese di destinazione. Inoltre, chi ha eseguito la traduzione se ne assume la responsabilità.

Il verbale di asseverazione, in pratica un giuramento, viene reso all’atto della presentazione della traduzione davanti al Cancelliere del Tribunale o al Notaio, che lo firma insieme al traduttore.

La traduzione giurata deve accompagnare il documento originale. Dalla procedura risulta un unico documento (originale, traduzione e verbale) sul quale il Tribunale appone timbri e marche da bollo.

Si asseverano anche traduzioni interlingua, cioè quelle in cui l’italiano non sia lingua di partenza o di arrivo (per esempio traduzioni dall’inglese all’arabo o dal francese all’inglese ecc.). In questi casi occorre una traduzione intermedia in italiano, che non è oggetto di giuramento-asseverazione ma rimane allegata come traduzione di cortesia.

Cosa significa "traduzione legalizzata"

La legalizzazione di una traduzione è un processo supplementare, successivo all’asseverazione, richiesto dalle leggi di alcuni paesi. Se una traduzione è destinata all’uso legale in un paese estero, il Tribunale italiano la legalizza: attesta la qualità giuridica del pubblico ufficiale che ha apposto la propria firma sul documento asseverato, nonché l’autenticità della firma stessa.

La legalizzazione non è richiesta per tutti i Paesi. Spetta al cliente verificare se è sufficiente l’asseverazione o una traduzione deve essere anche legalizzata.

Domattina alle sei verrò giustiziato per un crimine che non ho commesso.
Dovevo essere giustiziato alle cinque, ma ho un avvocato in gamba.

Woody Allen