Polacco (PL)

Famiglia: SLAVA

Alfabeto: LATINO

polacco

Il polacco è una lingua slava occidentale, come il ceco, lo slovacco e il serbo. È lingua ufficiale in Polonia ed è parlata da circa 45 milioni persone.

È diffuso anche in Australia, Austria, Azerbaijian, Bielorussia, Canada, Estonia, Finlandia, Germania, Ungheria, Israele, Lituania, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Slovacchia, Ucraina, USA.

Il polacco è sempre stato fortemente influenzato dalle lingue straniere, soprattutto il latino, il tedesco, il ceco, l’italiano, il francese, il russo e l’inglese. La base è slava, ma una buona parte del vocabolario e della fraseologia è di origine latina o greca.

L’alfabeto polacco si scrive con 32 lettere dell’alfabeto latino, arricchite da segni diacritici come l’ogonek e l’accento acuto. Fa inoltre uso di 7 digrammi.

La fonetica polacca è molto complessa. Ha mantenuto alcune vocali nasali, trascritte utilizzando l’ogonek. Alcune consonanti palatali polacche utilizzano il cosiddetto “accento acuto”, un segno grafico che indica la palatalizzazione della lettera sopra la quale è posto. L’accento vero e proprio, invece, cade solitamente sulla penultima sillaba.

Le differenze dialettali in polacco sono relativamente piccole; i maggiori dialetti sono due, lo slesiano e il montanaro.

Nella lingua polacca non ci sono articoli. Ci sono due numeri grammaticali (singolare e plurale). Al singolare ci sono tre generi grammaticali (maschile, femminile, neutro). Al plurale, invece, funziona un’altra distinzione: tra il virile (persone maschili) e il non-virile (le altre persone, animali, oggetti).

I casi sono 7: nominativo, genitivo, dativo, accusativo, strumentale, locativo, vocativo.

Nella coniugazione dei verbi ci sono tre tempi (presente, futuro, passato) e tre modi (indicativo, condizionale e imperativo). Come nella maggior parte delle altre lingue slave, anche in polacco si è conservato l’aspetto verbale che contraddistingue i verbi in perfettivi, che indicano azione compiuta, e imperfettivi, che indicano un’azione incompiuta, in via di svolgimento, abituale o ripetuta nel tempo.

Polacco (PL) ultima modifica: 2016-07-05T08:00:08+00:00 da interlanguage.it